Certificato di Prevenzione Incendi e Segnalazione Certificata di Inizio Attività

Sono legate all’obbligo di ottenimento del Certificato di Prevenzione incendi le attività indicate dal DPR n. 151 del 1 Agosto 2011. Ai fini dell’ottenimento del C.P.I. o dell’elaborazione della SCIA Pic antincendio propone sempre soluzioni conformi alle normative vigenti, alla buona tecnica ed agli interessi. Il nuovo Decreto ha definito 3 categorie:

 

Categoria A

Comprende attività a basso rischio incendio:
Si tratta di attività standardizzate che godono di una regola tecnica di riferimento e si contraddistinguono da un limitato livello di complessità. Per tali attività non è previsto il parere di conformità dei Vigili del Fuoco e possono iniziare presentando la SCIA, Segnalazione Certificata di Inizio Attività.

 

Categoria B

Comprende attività a medio rischio incendio:
Si tratta di attività che comprendono le attività presenti nella categoria A, caratterizzate però da un maggiore livello di complessità e che non godono di una regola tecnica di riferimento specifica. Per tali attività è necessario ottenere il parere di conformità dei progetti al comando dei Vigili del Fuoco e l’attività può iniziare presentando la SCIA, Segnalazione Certificata di Inizio Attività.

 

Categoria C

Comprende attività ad alto rischio incendio:

Si tratta di attività con alto livello di complessità. Per tali attività è necessario ottenere il parere di conformità da parte dei Vigili del fuoco e l’attività può iniziare previa presentazione della SCIA, Segnalazione Certificata di Inizio Attività.

 

In questo caso però il Certificato di Prevenzione Incendi (C.P.I.) sarà rilasciato, dal Comando Provinciale dei Vigili del fuoco, solo a seguito di sopralluogo per la verifica della realizzazione delle misure previste dal progetto e dell’ottemperanza delle prescrizioni date dai Vigili del fuoco Vigili del fuoco.

 

I responsabili delle attività di categoria B e C, soggette ad un rischio di incendio medio ed alto, possono anche richiedere al Comando dei Vigili del fuoco una valutazione preliminare di fattibilità dei progetti per ottenere un nulla osta di fattibilità, ma possono anche richiedere l’effettuazione di visite di accertamento nel corso di realizzazione dell’opera.

CONTATTACI